NASCE REIWA ENGINE, LA START UP SICILIANA CHE INNOVA NEL CAMPO DELLA ROBOTICA E DELLA AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Reiwa Engine non è solo una start up: è un progetto ambizioso e coraggioso di “Collateral Technology”. Ed è anche un sogno, quello di un gruppo di giovani siciliani, ingegneri ed esperti marketing, capaci di fare la differenza nel settore della robotica e della automazione industriale, le grandi eccellenze made in Italy

Reiwa in giapponese vuol dire rinascita. «Ed è proprio una rinascita quella che avevamo in mente quando abbiamo deciso di fondare la nostra start up» spiega il Ceo Salvatore Occhipinti. «Provenivamo da esperienze diverse ma contigue: chi aveva già progettato macchinari per l’automazione industriale e per la videosorveglianza evoluta e chi li aveva proposti e piazzati sui mercati internazionali. Le nostre competenze si compenetravano perfettamente e in comune avevamo il desiderio di imporre la nostra idea di futuro e di tecnologia. Abbiamo deciso di farlo con una realtà tutta nostra che simboleggiasse, appunto come una rinascita, il nostro nuovo inizio professionale e personale. Così è nata la start up Reiwa Engine. Ed è nata in Sicilia, la nostra terra, perché vogliamo crescere insieme a lei».

BREVE STORIA DI REIWA ENGINE

Reiwa Engine è una start up giovane e promettente, nata solo nel 2019, ma con un vasto bagaglio di competenze ed esperienze sulle spalle dei fondatori. «Anche se adesso possiamo contare su una sede prestigiosa e un grande laboratorio di prototipazione con area test e macchinari avanzati, come tante altre start up innovative anche la nostra è nata in un garage» continua Salvatore Occhipinti. «Abbiamo messo in pausa le nostre vite, lasciato i rispettivi impieghi e scommesso tutto il nostro futuro su un prodotto innovativo e rivoluzionario, SandStorm, un robot unico al mondo, in grado di automatizzare e ottimizzare la pulizia degli impianti fotovoltaici. Questo prodotto, che ha già conquistato l’interesse di Enel Green Power, è nato dalle nostre competenze, certo, ma anche dal plus che siamo in grado di mettere in campo: il pensiero laterale applicato alla tecnologia, il pensare fuori dagli schemi, la temerarietà, l’ambizione e la capacità di trovare sempre una soluzione non scontata e per questo più efficace. Non per niente il nostro motto è Collateral Technology».

L’HI-TECH CHE CI PIACE

SandStorm è solo uno dei tanti progetti in cantiere, il primo. Altri progetti sono già sulla carta, e altri ancora nei laboratori di prototipazione. «Intendiamo dare vita nei prossimi anni a tutti i “sogni Hi Tech” e a quelli che nasceranno dalla nostra passione, dalla creatività e dalla conoscenza dei mercati e delle esigenze dei clienti che decideranno di affidarsi a noi o degli investitori che sceglieranno di credere nei nostri prodotti e ci aiuteranno a industrializzarli. I principali settori di specializzazione, quelli in cui Reiwa Engine può fare la differenza, sono la robotica applicata agli impianti industriali con lo scopo di automatizzare i processi e renderli più efficienti e la videosorveglianza evoluta, in chiave 4.0, basata sui sistemi di intelligenza artificiale». Proprio questi settori sono le principali eccellenze dell’ingegneria made in Italy. La robotica italiana è conosciuta e apprezzata in tutto il mondo e tante delle scoperte interazionali su questo fronte sono nate dai laboratori delle nostre università. Senza contare il settore dell’automazione industriale basata sulla robotica: qui l’Italia gioca un ruolo fondamentale grazie alla sua grande tradizione meccanica e manifatturiera.

La robotica, il nostro forte

SandStorm, il primo progetto di Reiwa Engine, è anche uno dei più rappresentativi perché la sua tecnologia per il clean tech made in Italy, studiata per automatizzare la pulizia degli impianti fotovoltaici, tocca tutti i vari campi d’azione delle competenze del team. «È un piccolo capolavoro di ingegneria informatica e meccanica che grazie ai principi dell’intelligenza artificiale riesce a superare tutti i limiti dei suoi competitors nel settore della pulizia di impianti fotovoltaici. Abbiamo curato ogni minimo dettaglio, compresi il design, la maneggevolezza, la manutenzione, la facilità di trasporto e di stoccaggio. Insomma, abbiamo creato un prodotto già pronto per il mercato che aspetta solo di essere industrializzato. Perché questa è la nostra idea di robotica: prodotti rivoluzionari ma pratici e funzionali per semplificare davvero i processi industriali e, nello stesso tempo, diminuire l’impatto ambientale e gli sprechi».

La videosorveglianza sì, ma evoluta

Il team di Reiwa Engine viene in parte dal mondo della videosorveglianza che è quindi un altro dei suoi settori di eccellenza. «La nostra esperienza lavorativa si fonda sulla progettazione e la realizzazione di impianti evoluti di videosorveglianza. È un settore nel quale possiamo contare già una vasta esperienza nonostante la nostra giovane età perché ne conosciamo ogni aspetto e risvolto. I progetti che abbiamo in cantiere su questo tema, e che presto presenteremo al mercato e agli investitori, hanno lo scopo di innovare e rendere più efficienti sistemi e impianti che ancora oggi mostrano parecchi limiti. Lo faremo con l’applicazione dell’intelligenza artificiale e le intuizioni e le soluzioni della nostra “collateral technology”».

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo